Vittore e Corona, i martiri che si fanno chiesa